Inde... cifrabili!



Un tempo, quando le famiglie erano numerose e le camicie da uomo tutte rigorosamente bianche, le cifre servivano per distinguerle, per sapere a chi appartenevano. Oggi non hanno più questo scopo e sono diventate un capriccio in bilico tra eleganza e ostentazione. Io devo dire che le ho sempre trovate belle. Un modo per personalizzare un capo, per renderlo meno anonimo e dozzinale. Non però sulla parte frontale della camicia. Così ho fatto un tentativo. Ho scelto un carattere più grande, corsivo, ho tolto i punti e le ho spostate sul polsino. E dal primo tentativo, sul mio tavolo si sono accumulate, così, misteriosamente, diverse altre camicie in attesa di essere de...cifrate!
Se desiderate provare anche voi, abbiate l'accortezza di scegliere un filo abbinato al colore di un dettaglio a contrasto già presente sulla camicia, di ricamare solo ed esclusivamente sul tessuto esterno del polsino e di far scorrere il nodo di inizio tra i punti che fissano il polsino alla manica, in modo che sparisca tra i due tessuti. A lavoro ultimato, sul rovescio non si dovrà vedere nulla...


Commenti

mammagari ha detto…
Bellissime! Io adoro le cifre... queste poi, decisamente svecchiate, sono proprio carine. Complimenti

Post più popolari