lunedì 13 febbraio 2012

La riconciliazione con la lievitazione!



Come forse saprete già, la lievitazione non è proprio il mio forte, per cui rinuncio sempre a provare ricette che la prevedono. L'altro giorno però, sfogliando una rivista svizzera di cucina, mi sono imbattuta in questa ricetta "per bambini". Posso farcela, mi sono detta! Beh, diciamo che la lievitazione è durata tre ore al posto di 1 e mezza, ma alla fine eccole lì le briochine. La versione originale con la cannella è piaciuta molto a mio marito che adora questa spezia, meno a Ricky. La prossima volta quindi le rifarò, ma metà senza cannella. La crosticina zuccherosa è buonissima, e la versione con cannella si sposa molto bene con la marmellata alle prugne!

Brioche alla cannella

220 gr farina
1/4 c di sale
3 C di zucchero
1/4 di un cubetto di lievito di birra (ca. 10 gr)
30 gr di burro
1 dl di latte

3 C di zucchero
1 c di cannella in polvere
25 gr di burro fuso

Scaldare il latte e fondervi il burro. Lasciare intiepidire quindi sciogliervi il lievito. Unire farina, sale e zucchero, quindi aggiungere il latte col burro e il lievito e impastare bene. Lasciar lievitare coperto per oltre un'ora, o finché l'impasto avrà raddoppiato il suo volume. Dividere l'impasto in otto parti, e formare otto rotoli lunghi ca. 20 cm. Annodare, girare ogni nodino nel burro, quindi nello zucchero e cannella. Infornare in forno freddo, accendere a 150°C, cuocere per 30 min. ca.

5 commenti:

Francesca-Kinà ha detto...

Che belli e che buonin!! Devo dire a mio marito di provare a farmeli, sono davvero invitanti e io amo la cannella!!Due settimane fa, mio marito ha preparato i classici croissant per il mio risveglio domenicale, una goduria...;)
Bacioni a te e ai tuoi spledidni pargoli, Kinà

rachele ha detto...

potrei provarci...ma proprio non sono sicura che con me il miracolo riesca! hanno proprio un aspetto invitante! ciao rac

Antonella ha detto...

@Francesca-Kinà
Che bravo marito hai!! :-))
@Rachele
Se ci sono riuscita io, davvero puoi provarci. Attenta solo a che il latte non sia troppo caldo, o ti ammazza i lievitonzoli...! ;-)

matilda ha detto...

allora fatti e mangiati- forse un po'... secchi? e se invece provassi a farli rilievitare e poi a infornarli a 180/200°C per 15 min? come i panini dolci?

Antonella ha detto...

Davvero Matilda?? Mi dispiace, i miei non lo erano, però proverò con le tue indicazioni!