venerdì 7 ottobre 2011

Saluti e baci!



Solo per il fine settimana ovviamente. Vi lascio con un dolcetto piemontese, per addolcire questo autunno che, almeno alle nostre latitudini, è arrivato con un vento freddo e neve fino a mille metri. I miei sono venuti troppo alti, per cui vi consiglio di schiacciare le palline sulla teglia in modo che non siano più alte di 5 millimetri.

I baci di dama

200 gr di farina bianca
150 gr di burro
100 gr di fecola
100 gr di mandorle macinate
80 gr di zucchero semolato
1 uovo
1 bustina di zucchero vanigliato
50 gr di cioccolato fondente (o Nutella!)

In una ciotola mescolate bene farina, fecola e zucchero vanigliato. Unite le mandorle e lo zucchero e disponete a fontana. Mettete al centro il burro ammorbidito e l'uovo e impastate velocemente. Formate le palline, disponetele sulla placca ricoperta di carta da forno e schiacciatele bene. Cuocete in forno caldo a 170 °C  per 15 minuti circa. Fate fondere a bagnomaria il cioccolato e spalmatelo tra due biscotti. In alternativa potete anche usare la Nutella.


3 commenti:

MaryPoppins ha detto...

Buoniiii ...
ma essendo piemontesi (i dolcetti) bisognerebbe sostituire le mandorle con NOCCIOLE ...
=)

Paty ha detto...

mmmm che bontà! ne sento il profumo fino a Milano, saranno le violente folate di vento che me lo portano? Ho appena fatto i biscotti con farina di riso e domani provo i tuoi invitanti baci di dama.
baci e fusa a te
Paty

Antonella ha detto...

@marypoppins
Lo pensavo anch'io, ma il libro dal quale ho tratto la ricetta (biscotti e piccola pasticceria di deagostini) fa un distinguo tra i baci di dama, che ho fatto io, e i baci, nei quali non c'é facola, al posto delle mandorle ci sono le nocciole e nel cioccolato ci va un goccio di rum. Io ho pensato che i baci di dama si chiamano così perché con le mandorle e senza rum risultano più delicati, da dama appunto. Però questa è una mia speculazione che devo verificare...
@paty
Fammi sapere come ti sono venuti :-P