martedì 30 marzo 2010

Foto di famiglia!



Vi avevo già raccontato del mio tentativo di trasformare il mio ritratto fatto da Ricky in un pupazzo. Ora ho riprodotto mio marito! Ho però un dubbio e ho bisogno del vostro aiuto: manca una mano perché Ricky non l'ha fatta, ma non l'ha fatta perché non aveva più spazio. Cosa dite, me la invento e la aggiungo, o lo lascio il pupazzo incompiuto così com'è, rimanendo fedele all'originale? Non so proprio cosa fare...






venerdì 26 marzo 2010

AvatarAnto e AvAntuche!




Veramente volevo postare la ricetta di una torta da fare in questo uggioso fine settimana, ma accidenti, ho lasciato a casa la ricetta e quindi non lo posso fare. Però, per strapparvi un sorriso e augurarvi buon weekend, vi faccio vedere la mia versione "avatarata" e quella di un Antuche peloso, che non è uguale a avariata, ma poco ci manca... Se volete divertirvi a storpiare una vostra foto, andate qui!

lunedì 22 marzo 2010

Una rivista sotto il bicchiere



Vi sarà capitato un sacco di volte di utilizzare una rivista per posarci sopra un bicchiere o una tazza. Ecco da dove è partita l'idea, sicuramente non nuova, per realizzare un sottobicchere utilizzando proprio una rivista. Questo sarà infatti il nuovo lavoretto per bambini che presenterò nella mia rubrica "Lavoretti" della rivista Illustrazione Ticinese del 1°maggio, ora in lavorazione. Ovviamente è ricicloso, come sono tutti i lavoretti che presento, e semplicissimo. Per realizzare un sottobicchiere occorrono 4 pagine di una rivista patinata, un pizzico di colla e una buona dose di pazienza!
Però pssssst.... è un'anteprima...

lunedì 15 marzo 2010

Una spilla fuori dal buco





Francesca, che ha già adottato diversi Antuche, questa volta mi ha chiesto di realizzare per lei una spilla nera, con ciuffo pennuto verde, e un codino. Le avevo detto che avrebbe dovuto pazientare un attimo, perché al momento ho un buco, anzi un baratro, creativo. Però questo mostricello è arrivato subito. La foto è penosa lo so, ma il mostricello invece mi sembra carino. Vediamo però cosa ne pensa la sua nuova padroncina...

venerdì 12 marzo 2010

Made in Switzerland: la torta di formaggio



Prima di tutto va detto che la ricetta vera per questa torta salata, che fa da piatto unico, prevede l'uso di panna e tre uova. Io con gli anni ho elaborato questa versione, molto più leggera, un po' più soffice e decisamente più digeribile. Poi a questa base potete aggiungere cubetti di pancetta (e diventa una quiche lorraine), cipolle, funghi e porri o ciò che più vi piace. È perfetta se la accompagnate con un'insalata di cavolo bianco e pezzetti di mela verde, condita con salsa francese.


La torta di formaggio o Käsekuchen

1 pasta sfoglia già pronta (a meno che non siate così brave da farvela voi!)
150 gr di Emmentaler e 150 gr di Gruyère grattugiati (con la grattugia da Rösti)
1 uovo
1 vasetto di yogurt naturale
1/2 dl di latte
1 cucchiaio di farina
1 piccola cipolla sminuzzata
sale e pepe
un pizzico di noce moscata


Mettete la pasta nella teglia (rotonda, per torte) e bucherellate il fondo. In una ciotola mescolate tutti gli ingredienti e versate l'impasto sulla pasta. Infornate nella parte bassa del forno caldo a 220°C per 25/30 minuti.

mercoledì 10 marzo 2010

La (buona) volontà aguzza l'ingegno



Non ho la costanza e la disciplina necessarie per gestire il funzionamento dei molti premi che circolano sui blog (e qui mi devo scusare con Ciri e Cristina), ma spesso provo il desiderio di premiare una blogger che per un motivo particolare mi ha colpita. Ecco allora che mi sono ingegnata e ho creato una coppa della casa, che assegnerò di volta in volta, e per motivi diversi, a chi mi sta particolarmente a cuore. Ovviamente le assegnerò e basta, senza nessun tipo di vincolo per ritirarla e per riassegnarla. Se poi chi la riceve desidera pubblicarla sul suo blog, ne sarò naturalmente ben felice, ma non dovrà in nessun modo sentirsi in obbligo di farlo! La mia prima coppa desidero assegnarla a Fata Bislacca, per diversi motivi. Prima di tutto perché la sua-mia fatina ha tenuto a battesimo questo blog, poi perché Cathy mi ha dato tanti preziosi consigli, per i quali le sono davvero grata. Quindi, cara Fatina Bislacca, a te assegno il trofeo "Madrina d'onore!".

lunedì 8 marzo 2010

Ospiti all'ultimo minuto?



Questa è proprio un'idea facile facile da fare al volo, magari con i bambini, per un pranzo informale e inatteso. Basta scegliere una bella fotografia da una rivista, usarla per ritagliarci dei cuoricini da piegare al centro e incollarli, solo lungo la piega, su dei cartoncini piegati a metà. Ecco, è tutto qui, e buon pranzo!

lunedì 1 marzo 2010

I biscotti ripieni di nutella




Premetto che questa ricetta non è... farina della mia dispensa, bensì di quella di Birba. Quando l'ho vista non ho saputo resistere e il risultato è davvero strepitoso. Vi riporto la ricetta esattamente come l'ha postata lei. Io durante la lavorazione ho aggiunto del latte. Non so se perché le galline svizzere fanno le uova più piccole, ma con i quantitativi dati non si impastava proprio... Poi ho spolverizzato con zucchero al velo. Comunque provate questi biscotti perché sono de-li-zio-si!








I biscotti ripieni di nutella
Per 30 biscotti circa

400 gr di farina
7 cucchiai di zucchero
1 presa di bicarbonato
3 cucchiai di cacao amaro
150 gr di burro fuso
1 uovo intero e 2 tuorli
nutella

In una ciotola mescolare la farina, lo zucchero, il bicarbonato e il cacao. Aggiungere il burro e le uova e impastare. Stendere la pasta a uno spessore di ca. 3 mm e tagliare dei dischetti con un coppapasta o un bicchiere. Posare un cucchiaino di nutella al centro di un dischetto e coprire con un altro. Premere bene i bordi e, per ottenere una forma più netta, tagliare di nuovo con il coppapasta. Infornare a 150° per 10 minuti.